Process Automation Technologies
  • 2012 - 2017

    5° Anniversario

  • 2012 - 2017

    5° Anniversario

Isolatore Half Suit

PAT Way Solutions propone innovazione tecnologica in ambito Isotecnia: la tecnica dei volumi confinati (isotecnia) consente di ottenere preparazioni contenenti sostanze altamente attive (es. antibiotici, ormoni, citostatici) in condizioni di sicurezza per il prodotto, per gli operatori di produzione e per l’ambiente circostante

 

Gli isolatori tradizionali hanno una zona operativa limitata per via dei guanti che si utilizzano per accedere all’area di lavoro. Infatti, in un isolatore tradizionale l’operatore è separato dal prodotto ad esclusione delle sue braccia, che possono manovrare all’interno dell’area sterile utilizzando i guanti.

Per poter sfruttare tutta l’area di lavoro spesso l’operatore è costretto a sfilare e rinfilare guanti all’interno delle varie flange. Questo naturalmente può rallentare la produttività degli operatori. Per questo alcune volte la necessità di manovra all’interno dell’area confinata può rendere indispensabile l’utilizzo di tecnologie come l’half suit, in questo caso è stata adottata per la realizzazione di un processo asettico.

L’operatore può così “immergersi” fino al bacino all’interno della zona sterile, e quindi avere un’area di manovra molto più ampia, in modo che si ha la capacità di poter movimentare carichi maggiori rispetto al carico del solo polso sugli isolatori con guanti. L’integrazione di questo processo strettamente in asepsi ha richiesto il design e la realizzazione di soluzioni ad hoc sia per quanto riguarda la strumentazione specifica adoperata che la disposizione generale della macchina (flusso materiali, entrata ed uscita prodotto, ecc.)

La macchina è stata concepita per premiscelare, all’interno di un contenitore, una frazione di polvere unitamente a WFI. Le fasi operative principali prevedono:

  • Introduzione all’interno della camera di lavoro dei recipienti contenenti il principio attivo in polvere (4 unità)
  • Collegamento alla camera di lavoro delle transfer line (aria di processo e WFI) e linea di trasferimento al reattore (posizionato esternamente all’isolatore)
  • Avvio del ciclo di decontaminazione tramite generatore VPHP
  • Inizio della lavorazione: riempimento dei fusti con WFI, miscelazione manuale, travaso in pressione verso il reattore
  • Ripetizione delle suddette operazioni per i 4 contenitori precedentemente caricati
  • Terminata la fase di lavorazione, si procede alla rimozione dei contenitori dall’interno della camera di lavoro per procedere ad un nuovo ciclo di lavoro.

Ecco alcuni dei dettagli tecnici di questo isolatore:

  • Lavora in pressione positiva
  • Utilizza un flusso laminare
  • Contiene un sistema di monitoraggio ambientale integrato sia viable che non viable.
  • È predisposto per una futura integrazione di porte RTP fino ad un diametro massimo di 350 mm
  • Utilizza tre porte per il trasferimento liquidi in asepsi (SART system™)
  • Dotato di un generatore di VPHP integrato
  • Possiede un datalogger a 6 canali Yokogawa per l’acquisizione dei dati salienti nelle fasi di lavorazione (pressione interna, velocità flusso laminare, temperatura, umidità relativa, ecc.).


Richiesta di contatto


Accetto la privacy

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa sulla privacy e autorizzo il trattamento dei dati personali ai sensi degli artt. 13 e 23 del D.lgs. 196/2003 e successive modifiche – Codice in materia di protezione dei dati personali – e del Regolamento UE 679/2016

Copyright © 2018 - PAT Way S.r.l. - P.I: 11780231004 - info@patway.it - Privacy Policy